IL DOTTOR ANDREA FONTANA, SPECIALISTA IN CHIRURGIA DELL'ANCA

SOLUZIONI AVANZATE PER LA CURA DELLE PATOLOGIE DELL'ANCA

Il Dott. Andrea Fontana opera a Como, e sin dagli inizi della sua carriera ha privilegiato la branca della chirurgia dell’anca, l’area dell’ortopedia alla quale si è dedicato fino al conseguimento della specializzazione in ortopedia e traumatologia.

Nel corso dei suoi anni di formazione, il Dott. Fontana è stato allievo di illustri luminari come il Dr. RN Villar di Cambridge,  uno dei maggiori esperti in artroscopia d’anca, e del Professor Harris di Boston, tra i più autorevoli esperti in chirurgia protesica.

Le esperienze a stretto contatto con questi chirurghi di fama mondiale hanno portato il Dott. Fontana ad un crescente interesse per la chirurgia dell’anca, che l’hanno portato ad oggi a poterne valutare le patologie in maniera completa adottando un approccio mini-invasivo, qualora possibile.

La “mini-invasità” rappresenta una delle grandi innovazioni nel campo della chirurgia ortopedica, e consiste nel trattare le patologie interessate a questa articolazione rispettando l’anatomia del paziente.

Il Dott. Fontana, esperto anche in chirurgia rigenerativa, dal 2001 ha approfondito in maniera peculiare questo interesse, contribuendo a sviluppare tecniche chirurgiche più innovative nell’impiego delle biotecnologie avanzate in chirurgia ortopedica.

  • dottor fontana como
  • chirurgo anca como
  • chirurgia protesica como

I TRATTAMENTI DEL DOTTOR ANDREA FONTANA

Grazie all’eccellente formazione e agli anni di esperienza, il Dott. Fontana è in grado di valutare tempestivamente e in modo completo le patologie legate all’anca, settore che negli ultimi anni ha subito grandi innovazioni soprattutto in termini di invasività.

Proprio nel rispetto di questa nuova tendenza, il  Dott. Fontana cerca sempre di optare in maniera mini-invasiva sul paziente, eseguendo i trattamenti per la risoluzione completa delle sue problematiche.

Tra i maggiori servizi erogati dal dottore è possibile annoverare:

  • artroscopia anca
  • protesi anca
  • chirurgia rigenerativa
  • terapia infiltrativa

Il Dottore riceve su appuntamento nei suoi studi di Cinisello Balsamo, in Via Frova 34 e al numero di telefono 02-66012960, e a Como, in Viale Varese 79 e al numero 031-262136. Per richiedere un appuntamento, è possibile compilare il form nella pagina contatti.

UTILIZZO DELLE BIOTECNOLOGIE


Grazie allo sviluppo delle biotecnologie e dei trattamenti biologici, si possono trattare i gravi danni che la cartilagine dell'anca subisce.

TRATTAMENTO DEL CONFLITTO FEMORO ACETABOLARE

Il conflitto femoro acetabolare rappresenta una forma artrosica iniziale dell'anca. Il suo trattamento artroscopico consente di migliorare i sintomi e di prevenire l'artrosi.

IL CURRICULUM DEL DOTTOR ANDREA FONTANA

Dr. Andrea Fontana nato a Palermo l’01.11.1959
Riceve a Milano ed a Como
Studi: CMP Via Frova 34 Cinisello Balsamo (Milano Nord) – CDC Via Varese 75 Como
Per appuntamenti telefonare ai numeri: Cinisello Balsamo 02/66012960 / Como031 /262136
Segreteria ed emergenze: 3358294892
email: dr.andreafonta@libero.it
P.I. 02268200967

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Palermo nel 1986
Specializzato in Ortopedia e Traumatologia presso l’Università degli Studi di Milano nel 1991
Borsa di studio internazionale come “clinical research fellow (hip and knee Unit) presso il “BUPA Cambridge Lea Hospital” e “Addenbrookes Hospital” di Cambridge UK nel 1995
Certificato di Formazione Manageriale per Dirigente di Struttura Complessa presso la Scuola di Direzione Sanitaria della Regione Lombardia nel 2003
Consulente di “artroscopia d’anca” con rapporto di docenza presso la Clinica Ortopedica dell’Università di Bologna – Istituto Ortopedico Rizzoli dal 2009
Consulente di “artroscopia d’anca” presso la Clinica Ortopedica dell’Università di Torino dal 2009
Attualmente Responsabile di Unità Operativa 1 e Direttore del Centro C.A.R.A. (Chirurgia Artroscopica e Rigenerativa dell’Anca presso il COF Lanzo Hospital di Lanzo D’Intelvi (CO).
Pratica attività libero professionale ed in convenzione con i principali gruppi assicurativi presso la Clinica San Camillo di Milano e presso la Clinica La Betulle di Appiano Gentile (VA).

Perfezionato nella chirurgia dell’anca mediante corsi e frequenza presso le seguenti Università:
BUPA Cambridge Lea Hospital – Cambridge UK
Addembrookes Hospital – Cambridge UK
Massachusetts General Hospital – Boston USA
Harvard University – Boston USA
Iscritto all’Albo dei Medici Chirurghi di Como

Sono stato iscritto al “General Medical Council” UK

Iscritto alle seguenti associazioni scientifiche:
ISHA (International Society for Hip Arthroscopy)
ESSKA (European Society of Knee and Arthroscopy)
EFORT (European Society of National Associations of Orthopaedics and Trauma)
ICRS (International Cartilage Repair Society)
EHS (European Hip Society)
SIA (Società Italiana di Artroscopia)
SIOT (Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia)
ASHA (Austrian Society for Hip Arthroscopy) Socio Onorario

LE ATTIVITÀ SCIENTIFICHE DEL DR. ANDREA FONTANA: I CONGRESSI E GLI EVENTI MEDICI E SCIENTIFICI

  • Direttore del Visiting Center “Hip Arthroscopy” – COF Lanzo Hospital
  • Direttore del Visiting Center “AMIC Hip Arthroscopy” – COF Lanzo Hospital
  • Direttore del “CHAIR” (Center for Hip Arthroscopy Italian Research)

Partecipazione a congressi:
  • 1999
SECOT - 5-8/10 1999 – Valencia - Spain

  • 2002
EHS – 5-8/6 2002 – Baveno - Italia

  • 2003
EFORT – 6-10/6 2003 – Helsinki - Finland

  • 2004
Latest Advances e Controversies in Hip Surgery Meeting – 25/3 2004 – Stratford upon Avon – UK
EHS – 23-26/6 2004 – Innsbruck - Austria

  • 2005
AAOS – 23-27/3 2005 – Washington DC – USA
EFORT – 4-7/6 2005 – Lisbon - Portugal
Congresso Basileiro De Quadril – 7-10/9 2005 – Giania – Brasil
Arthroscopic Autologous Chondrocyte Transplantation of Hip Chondral Defects – Oral Presentation
Arthroscopically.guided Multiple Femoral Head Perforations in Avascular Necrosis – Oral Presentation

  • 2006
ICRS – 8-11/1 2006 - San Diego - CA – USA
Advances in Hip Arthroscopy – 22-23/5 2006 – Paris – France
Sports Hip Surgery – 30-31/10 2006 – Warwick – UK

  • 2007
SIA – 7-11/3 2007 – Modena – Italia
Oral Presentation
ISAKOS – 28-31/5 2007 – Firenze - Italia
AMIC: First Experience in the Hip – Oral presentation
Faculty Member – Arthroscopic Hip Tecniques International Course – 9/66 2007 Barcellona – Spain
Why I do prefer the lateral position – Oral Presentation
How to avoid complications – Oral Presentation
ICRS – 29/09 02/10 2007 – Warsaw - Poland
AMIC: First Experience in the Hip – Oral Presentation
Arthrex Hip Arthroscopy Course – 15/11 2007 – Saltzburg – Austria
Oral Presentation

  • 2008
Faculty Member -Richard Villar School of Arthroscopy – 22/2 2008 – London – UK
Hip Arthroscopy Master Class (Wet Lab Training)
Faculty Mamber - Hip University – 2008 – Univ. di Milano – Monza Italia
Anatomia Arthroscopica dell’Anca – Lecture
Il Trattamento Artroscopico della Condropatia - Lecture
Il Legamento Rotondo: Patologie e Trattamento – Lecture
SIOT – 23-27/11 2008 – Roma – Italia
Oral Presentation

  • 2009
KLEOS – European Sports Medicine e Hip Arthroscopy Meeting – 13-17/5 2009 – Roma – Italia
Oral Presentation.
Faculty Member - Hip University – 2009 – Univ. di Milano – Monza - Italia
Trattamento della necrosi asettica della testa del femore – Lecture
Anatomia Arthroscopica dell’Anca – Lecture
Il Trattamento delle Lesioni Cartilaginee – Lecture
ICRS – 23-26/9 2009 – Miami – USA
Chondrocyte Transplantation: ACT OR AMIC? – Oral Presentation
Faculty Member - SIA – Instructional Course on Hip Artheoscopy - 1-3/10 2009 – Roma – Italia
1.Le indicazioni e i limiti dell’artroscopia dell’anca LA COXARTROSI – Oral presentation
Faculty Member – ISHA – 9-10/10 2009 – New York – USA
IS ARTHROSCOPIC HIP DEBRIDEMENT WORTHWHILE? – Oral Presentation
Faculty Member – Cadaver Lab on Hip Arthroscopy – 24/10 2009 – Arezzo – Italia
SIOT – 7-11/11 2009 – Milano – Italia
Oral Presentation

  • 2010
KLEOS – Mediterranean Hip Meeting – 15/17/4 2010 – Athens – Greece
Contemporary Solutions in Total Hip Arthroplasty – Oral Presentation
ICRS – 26-29/9 2010 – Sitges/Barcelona – Spain
Limitations of Cartilage Repair in the Hip Joint – Oral Presentation
Faculty Member – ISHA - 8-9/10 2010– Cancun – Mexico
Cartilage Flap. Membrane with Chondrocytes – Oral Presentation
Faculty Member – Sports Hip Surgery 2010 – 14-15/ 2010 - University of Warwick – Warwick – UK
Chondrocyte Grafting – Oral Presentation
Practical Techniques in Hip Arthroscopy – Teacher at Workshop
OTODI – 6/11 2010 – Bologna – Italia
La Chirurgia conservative dell’anca – Oral Presentation

  • 2011
Faculty Member - Webinar 2011
The Management of Articular Cartilage Lesions. Internet conference – Oral presentation
SIA – 2011
Difetto condrale acetabolare – Oral Presentation
AGA 2011
AMIC – HIP Arthroscopic Surgical Technique and Clinical Results - Oral Presentation
AMIC vs ACT in the HIP – Oral Presentation
Faculty Member – Santander Hip Meeting – 10-11/3 2011 – Santander – Spain.
Localización de las lesiones cartilaginosas e implante de condrocitos – Oral Presentation
Faculty Member – ASHA – 6-7/5 2011 – Bad Ausee – Austria.
Hip Chondral lesions. Oral Presentation
SICOT – 6-9/9 2011 – Prague – Czech Republic
Arthroscopic Management of Articular Cartilage Lesions in the Hip – Oral Presentation
Faculty Member – ISHA – 14-15/10 2011 – Paris - France
MACI – Oral Presentation
Faculty Member – European Expert Meeting – 24/9 2011 – Rosensburg – Germany
Arthroscopic Surgical Approaches for AMIC with Chondro-Gide – Oral Presentation
Faculty Member - International Hip Arthroscopy Course – 25-26/11 2011 – Ypres – Belgium
Treatment options & results of scaffolds - Oral Presentation

  • 2012
Faculty Member – Harvard 2012
Reconstruction with Cartilage Impregnated Flexible Scaffold – Oral Presentation
Faculty Member - ASHA 2012
Hip Arthroscopical Cartilage Treatment – Oral Presentation
ESSKA – 2-5/5 2012 – Geneva - Switzerland
Arthroscopic Autologous Membrane Induced Chondrogenesis for the treatment of FAI in the hip – Oral Presentation – Vincitore del Porto Award
ICRS – 12-15/5 2012 – Montreal - Canada
AMIC or ACI for arthroscopic repair of delaminated acetabular cartilage in femoroacetabular impingement – Oral Presentation
Microfracture or AMIC for arthroscopic repair of acetabular cartilage defects in femoroacetabular impingement – Oral Presentation
Faculty Member - Barcellona Hip Arthroscopy – 20-21/9 2012 – Barcelona - Spain
AMIC Hip – Surgical approach and 5 year clinical outcome – Oral Presentation
Corso di Artroscopia e Riabilitazione – 22/9 2012 – Rozzano (MI) - Italia
Percorso Diagnostico Clinico e Strumetale – Oral Presentation
Clinical / Diagnostic - Integration. When I decide for an Arthroscopic Osteochondroplasty – Oral Presentation
Le cause dell’insuccesso – Oral Presentation
Faculty Member - ISHA 27-29/9 2012 – Boston - USA
AMIC or ACI for arthroscopic repair of grade IV acetabular cartilage defects in femoroacetabular impingement – Oral Presentation
Microfracture or AMIC for arthroscopic repair of acetabular cartilage defects in femoroacetabular impingement. – Oral Presentation
SIGASCOT - 10-12/10 2012 – Napoli - Italia
Hip Arthroscopy case report: Very Bad! – Oral Presentation
Difetto condrale acetabolare – Oral Presentation
GAMOT – 27/10 2012 – Sulmona - Italia
FAI – Trattamento Artroscopico – Oral Presentation
SIOT - 10-14/11 2012 – Roma - Italia
Tecnica AMIC o ACI a Confronto nel Trattamento Artroscopico delle Lesioni Cartilaginee Acetabolari Conseguenti a FAI – Oral Presentation
Microfratture ed AMIC a Confronto nel Trattamento Artroscopico delle Lesioni Cartilaginee Acetabolari Conseguenti a FAI – Oral Presentation
Faculty Member – International Hip Arthroscopy Meeting – 16-17/11 2012 – Munich - Germany
AMIC (Autologous Matrix Induced Chondrogenesis) Oral Presentation
Hip Preserving Case – Oral Presentation
Faculty Member – Corso Propedeutico di Artroscopia d’Anca – 30/11 2012 – Bologna - Italia
Trattamento delle Lesioni Cartilaginee – Oral Presentation
Hip Arthroscopy Portals – Oral Presentation
Anca a Scatto – Oral Presentation
SICOP 2012
Impingement - Trattamento Artroscopico – Oral Presentation

  • 2013
Faculty Member – Brussels 2013
MACI: should we do it? - Oral Presentation
L’Artroscopia d’Anca Oggi – 7/11 2013 – Firenze - Italia
Le Lesioni Condrali dell’Anca – Oral Presentation
Faculty Member – Bone Serendipity – 19-20/4 2013 – Milano – Italia
Esame Obiettivo Ragionato – Anca – Lecture
Coxalgia e Preartrosi FAI e ruolo dell’Artroscopia - Lecture
ISAKOS – 12-16/5 2013 – Toronto - Canada
Microfracture or AMIC for arthroscopic repair of acetabular cartilage defects in femoroacetabular impingement. – Oral Presentation
SIA – 2-4/10 2013 – Pesaro – Italia
Tecnica AMIC (Autologous Membrane Induced Chondrogenesis) per il Trattamento delle Lesioni Condrali dell’Anca – Oral presentation
Faculty Member - ISHA – 10-12/10 2013 – Munich - Germany
Clinical Results of the AMIC Arthroscopic Hip Technique – Oral Presentation
MACI – AMIC Autologous Membrane Induced Chondrogenesis – Oral Presentation
Director - Cadaver Lab – Luzern 2013
AMIC – HIP Arthoscopic Tecnique – Oral Presentation
AMIC – HIP Clinical Results – Oral Presentation
SIA 2013 – Pesaro – Italia
Tecnica AMIC (Autologous Membrane Induced Chondrogenesis) per il Trattamento delle Lesioni Condrali dell’Anca – Oral Presentation
Effort 2013
Arthroscopic AMIC® for the treatment of FAI in the hip – Oral Presentation
Microfracture or AMIC for arthroscopic repair of acetabular cartilage defects in femoroacetabular impingement – Oral Presentation

  • 2014
Faculty Member – ASHA – 9-10/5 2014 – Vienna – Austria
Cartilage Therapy: MF, ACT, MACT, AMIC, MAC, Membranes and spheroids,… What’s best when? - Oral Presentation
Faculty Member – Hip Joint Preservation Course – 7-8/7 2014 – Sheffield – UK
Arthroscopic Chondral Repair AMIC/ACT – Oral Presentation
Sports injuries of the Hip – Oral Presentation
ISMuLT – 5-6/12 – 2014 – Roma – Italia
Hip Arthroscopy: Indications, surgical approasches and future perspectives – Oral Presenation
Faculty Member – Corso Propedeutico in Artroscopia D’Anca – 12/12 2014 – Bologna – Italia
Trattamento Artroscopiaco delle Lesioni Condrali dell’Anca – Oral Presentation
Faculty Member – ISHA – 2014 – Rio de Janeiro - Brasil
Microfracture or AMIC for Arthroscopic Treatment of Acetabular Cartilage Defects In Femoroacetabular Impingement Five-Years Results – Oral Presentation
ACI / MACI/ Scaffoldos – Oral Presentation
Faculty Member – International Hip Arthroscopy Meeting – 21-22/11 2014 – Munich – Germany
Arthroscopic AMIC or MACI for the treatment of acetabular chondral defcts secondary to FAI. – Oral Presentation

  • 2015
ICRS – 8-11/5 2015 – Chicago – USA
Is Matrix Induced Chondrogenesis better? – Oral Presentation
Arthroscopic AMIC or MACI for the treatment of acetabular chondral defects secondary to FAI. – Oral Presentation
Treatment of Acetabular Chondral Defects In Femoral Acetabolar Impingement. AMIC Vs Microfractures. A 5-Year Follow-Up Study. – Poster presentation
ISAKOS – 7-11/6 2015 – Lyon – France
Treatment of Acetabular Chondral Defects in Femoral Acetabular Impingement. Autologous Matrix Induced Chondrogenesis Vs Microfracture. A 5 Year Follow-up Study – Oral presentation
Director – Cadaver Lab – Campus Lab Hip Arthroscopy – 8-9/7 2015 – Arezzo – Italia
ISHA – 24-26/9 2015 – Cambridge – UK
Unreasonable expectations - Lecture

INTERVENTI DI ARTROSCOPIA ANCA

OPERAZIONI NON INVASIVE PER TRATTARE LE PATOLOGIE DELL'ANCA

chirurgia non invasiva como
Vero esperto nell’applicazione della mini-invasività, il Dott. Fontana propone ai suoi pazienti le seguenti tecniche non invasive per la risoluzione delle patologie legate all’anca:

  • ARTROSCOPIA D'ANCA

L'artroscopia d'anca è un intervento chirurgico a minima invasività. Con questa tecnica vengono praticate solo 2 o 3 piccole incisioni cutanee attraverso le quali si inserisce l'artroscopio, ovvero una telecamera, e gli strumenti chirurgici che permettono di eseguire le manovre e le procedure necessarie per trattare le patologie di questa articolazione. Grazie a questa tecnica si evita di eseguire delle grosse incisioni cutanee, mantenendo comunque valida l'efficacia del trattamento chirurgico. I rischi operatori sono notevolmente ridotti ed il recupero dall'intervento è notevolmente più rapido.

Indicazioni al trattamento:

  • Conflitto femoro-acetabolare
  • Coxartrosi
  • Lesioni cartilaginee
  • Lesioni del labrum o cercine acetabolare
  • Osteonecrosi della testa del femore
  • Protesi totale d’anca dolorosa
  • Post trauma
  • Anca a scatto mediale e laterale
  • Corpi mobili (corpi estranei)‏
  • Condromatosi Sinoviale (patologie del Collagene)‏
  • Lesione del legamento rotondo
visita anestetista anca como

PRIMA DELL'INTERVENTO

Previa visita dello specialista ortopedico, il paziente si organizza con la segreteria del reparto per organizzare il pre-ricovero. Durante questa fase, il paziente verrà sottoposto ad esami del sangue, radiografia del torace, elettrocardiogramma e visita con anestesista e cardiologo. Una volta valutate le condizioni generali, lo staff conferma l'intervento chirurgico e fornisce al paziente la data del ricovero e dell'intervento.

Ricovero intervento all'anca como

IL RICOVERO

Successivamente, il paziente viene visitato dal medico per impostare la terapia in relazione alle eventuali altre malattie già in trattamento. Una volta terminato l'intervento, ha inizio il protocollo di riabilitazione. Solitamente la degenza in reparto è di circa 2 giorni per operazioni non invasive, diversamente in caso si sia eseguito un intervento di condroplastica per il trattamento di lesioni cartilaginee, la degenza è di 3 giorni. Sempre di 3 giorni se si è eseguito un trattamento conseguente un conflitto femoro aceta bolare.
riabilitazione anca como

LA RIABILITAZIONE

Il paziente può riprendere la deambulazione assistita con due bastoni canadesi già il primo giorno dopo l’intervento chirurgico. Può anche eseguire a letto esercizi di flesso estensione dell’anca operata. Il programma riabilitativo post operatorio consiste nel:
  • Deambulare con 2 bastoni canadesi con carico parziale dal 1° giorno post operatorio per 2/4 settimane.
  • Successivamente 1 bastone canadese controlaterale per 1 settimana.
  • Cyclette a regime “O” 15 minuti tre volte al giorno dal 2° giorno post operatorio per 4 settimane.
  • Nuoto a stile libero o dorso, o ginnastica dolce per il potenziamento muscolare degli arti inferiori, dal 14° giorno post operatorio per 4 settimane.
  • Ripresa delle normali attività lavorative 2/4 settimane dopo l’intervento.
ricovero anca como

DOPO IL RICOVERO

Il Paziente viene seguito dallo specialista che ha eseguito l'intervento mediante controlli regolari (14 giorni dopo l'intervento; 3 mesi dopo l'intervento; 6 mesi dopo l'intervento; 12 mesi dopo l'intervento e quindi controlli annuali). Durante i controlli il paziente viene visitato e sottoposto ad esame radiografico dell'anca operata in genere durante il controllo a 6 mesi, 1 anno ed in occasione dei successivi controlli annuali.
anestesia chirurgica como

CHE TIPO DI ANESTESIA?

L'anestesista è in grado di valutare il miglior tipo di anestesia da sottopporre al paziente in base alle sue condizioni generali di salute e alle sue eventuali malattia associate. Solitamente si procede con un'anestesia peridurale che anestetizza solo l'arto inferiore. Il paziente è quindi sveglio, respira autonomamente ma, se necessario, può essere sedato dall'anestesista al fine di ridurre il carico emotivo. Con questo tipo di anestesia periferica è inoltre possibile applicare un sondino (peridurale) che controlla il dolore nei primi giorni postoperatori.
durata intervento anca como

QUANTO DURA L’INTERVENTO?

La durata dell'operazione varia in base alla patologia da trattare. Solitamente l'intervento ha una durata 60 minuti (30 minuti nel caso di una lesione del labrum – 60/90 minuti nel caso di un trattamento del conflitto femoro acetabolare). Dopo l’intervento il paziente viene controllato dagli anestesisti e dai chirurghi nella sala di anestesia per un eventuale monitoraggio e successivamente riportato in reparto nel suo letto. Inoltre, nella totalità dei casi finora trattati (oltre 1500 pazienti), non è mai stato necessario eseguire una trasfusione di sangue.

L'INTERVENTO DI PROTESI ANCA

L'INSERIMENTO DI PROTESI PER IL TRATTAMENTO DELL'ARTROSI

L'intervento di protesi totale d'anca o artroprotesi d'anca si è diffuso moltissimo negli ultimi 40 anni. Si tratta di uno dei trattamenti chirurgici più diffusi al mondo, e l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha stimato che nel mondo occidentale (Europa e Stati Uniti) circa 1 milione di pazienti l'anno si sottopongono a questo intervento. E’ una procedura chirurgica in cui le nuove tecnologie, nella scelta e selezione di leghe metalliche biocompatibili quali il titanio o le nuove ceramiche, hanno sicuramente apportato notevoli miglioramenti ed incrementato la durata e la funzionalità degli impianti protesici. Questo intervento è efficace e risolutivo per il trattamento dell'artrosi dell'anca o coxartrosi, sia di tipo primario che di tipo secondario.

L'artrosi primaria insorge come processo degenerativo articolare. E’ la classica artrosi che si manifesta in età matura e che causa al paziente dolore e limitazione del movimento.

L'artrosi secondaria
invece è quella che si forma in conseguenza di patologie che causano un danno all'articolazione. Le patologie più comuni che causano un'artrosi all'anca sono:

  • la displasia
  • la necrosi asettica della testa del femore
  • le malattie reumatiche come l’artrite reumatoide e l’artropatia psoriasica

Tuttavia, l'artrosi secondaria può manifestarsi anche dopo un trauma, come nelle fratture della testa o del collo del femore o nelle fratture dell’acetabolo. In questi casi si parla di artrosi post-traumatica.

In tutti questi casi l'intervento di protesi totale d'anca consiste nel rimuovere le superfici articolari artrosiche, che sono danneggiate ed irregolari e che non permettono più un adeguato scivolamento dell'articolazione.

Queste superfici vengono sostituite dalla protesi, che in particolare è composta da 3 elementi essenziali: il cotile, che è una coppa che viene inserita nell’acetabolo; uno stelo, che viene inserito nel femore; ed una testina sferica, che viene inserita nello stelo e che si articola con il cotile.

Si forma così la nuova articolazione, con uno scivolamento armonico tra le due superfici, in modo da eliminare il dolore e ridare una normale mobilità articolare.

DESCRIZIONE DELLE PATOLOGIE TRATTABILI

  • Coxartrosi
L'artrosi dell'anca o coxartrosi primaria è una malattia cronica e degenerativa. Essa interessa la testa del femore e l'acetabolo, determinando un'alterazione delle superfici articolari. Queste sono nella norma, rivestite dalla cartilagine, che è un tessuto molto delicato che permette lo scivolamento armonico delle due superfici articolari. Il processo artrosico altera e danneggia queste superfici, deformandole e rendendole irregolari. Come conseguenza di questa alterazione, le superfici articolari non scivolano più armonicamente durante il movimento e l’articolazione diventa rigida e dolorosa.
I classici segni clinici dell’artrosi dell’anca sono il dolore, che può essere presente anche a riposo, ma aumenta notevolmente durante l’attività causando spesso zoppia, e la limitazione del movimento. Il Paziente prova difficoltà a deambulare correttamente, o a compiere movimenti quotidiani come il salire le scale, allacciarsi le scarpe o indossare le calze, oppure anche nell’aver cura della propria persona.

  • Displasia dell’anca‏
La displasia dell’anca è una malattia genetica a carattere ereditario che consiste in un’alterazione dello sviluppo dell’acetabolo, la parte dell’anca che si trova nel bacino. A Causa di tale alterazione, che si manifesta già in età pediatrica, l’acetabolo non si sviluppa normalmente e non copre sufficientemente la testa del femore. Ne consegue che la testa del femore stessa tende a risalire e non si articola correttamente col bacino. Ciò causa una grave degenerazione artrosica i cui sintomi sono gli stessi della coxartrosi primaria, ma si manifestano in età più giovanile (30-50 anni).
 
  • Necrosi asettica della testa del femore
Questa malattia è causata da un mancato afflusso di sangue alla testa del femore. Il tessuto osseo, non più irrorato ed alimentato dal sangue, muore (necrosi) e quindi si instaura un processo che causa il “crollo” dell’osso stesso, che non sostiene più il rivestimento cartilagineo. L’articolazione si deforma e ne consegue un danno articolare che causa un’artrosi secondaria.
Più frequentemente la necrosi della testa del femore si manifesta in Pazienti che subiscono una frattura del collo del femore, o sono sottoposti a trattamenti con farmaci steroidei, a chemioterapia o a terapia radiante per la cura di neoplasie. Talvolta tale malattia si manifesta in associazione ad ipercolesterolemia o, più raramente, in Pazienti che per sport o per professione eseguono attività subacquea.
In non rari casi però la necrosi si manifesta senza alcuna causa e quindi viene definita “Idiopatica”. Esistono diversi stadi di gravità di questa malattia. In quelli più gravi ed avanzati, la degenerazione artrosica è talmente grave da rendersi necessario un intervento di protesi totale d’anca.
 
  • Morbo di Perthes
Si tratta di una malattia che insorge in età pediatrica, caratterizzata da una necrosi ampia della testa del femore. Non raramente si manifesta in entrambe le anche.
La sua evoluzione è particolarmente sfavorevole in quanto la testa del femore risulta gravemente deformata dal processo necrotico ed artrosico.
In questi casi è spesso necessario ricorrere all’intervento di protesi totale, anche in pazienti molto giovani.
 
  • Epifisiolisi della testa del femore
Anche questa malattia insorge in età pediatrica ed è caratterizzata da uno scivolamento della testa del femore che quindi non si posiziona correttamente sul collo del femore.
Tale lesione rappresenta l’anticamera dell’artrosi dell’anca, che spesso in questi casi bisogna trattare con l’intervento di protesi in età giovanile.

  • Coxartrosi post-traumatica
Le fratture del collo del femore sono particolarmente frequenti in Pazienti anziani, a causa dell’osteoporosi senile. Ciò nonostante anche Pazienti più giovani possono subire la frattura della testa o del collo del femore o la frattura dell’acetabolo, in conseguenza di incidenti automobilistici, sul lavoro o sportivi. Spesso la conseguenza, anche a distanza di tempo, del trauma subito è la degenerazione artrosica dell’anca, che in questi casi prende appunto il nome di artrosi post-traumatica.
 
  • Artrite Reumatoide
L’artrite reumatoide è una malattia sistemica che interessa quindi tutto il corpo, la cui natura infiammatoria coinvolge in maniera particolare le articolazioni. L’anca quindi può essere interessata dall’artrite, che causa pertanto una degenerazione dell’articolazione con danno irreversibile alle superfici cartilaginee. Anche in questo caso il dolore e la limitazione funzionale sono i sintomi prevalenti.
Nonostante le terapie farmacologiche, tale malattia spesso necessita di un trattamento chirurgico protesico, essendo questo il solo che possa restituire la piena articolarità in assenza di dolore.
 
  • Artropatia psoriasica
La Psoriasi, che notoriamente si manifesta a livello cutaneo, può interessare anche le articolazioni. Si tratta di una patologia analoga all’artrite reumatoide. Anche in questo caso il trattamento del danno articolare all’anca, richiede un trattamento chirurgico protesico risolutivo.

LA SCELTA DELLA GIUSTA PROTESI

  • Protesi di rivestimento
L’intervento di protesi risolve in modo efficace e permanente il dolore e la limitazione del movimento, mediante la sostituzione dell’anca con un’articolazione artificiale. Ma non tutti i Pazienti necessitano della stessa protesi d’anca! La scelta del tipo di protesi più indicata per ciascun Paziente necessita di un’accurata analisi delle caratteristiche cliniche e sociali di ogni singolo Individuo, da parte del medico.
I fattori che influiscono maggiormente su questa scelta, oltre alla patologia ed al tipo di artrosi di cui il Paziente è affetto, sono: l’età; le condizioni cliniche generali; le condizioni sociali e lavorative; il livello di attività; le aspettative del Paziente stesso.

  • La protesi d'anca standard
Come detto in precedenza la “classica” protesi totale d’anca è costituita da tre elementi: Il cotile, che è una coppa che viene inserita nell’acetabolo; uno stelo, che viene inserito nel femore; ed una testina sferica, che viene inserita nello stelo e che si articola con il cotile. Questo impianto “standard” è ottimale nella gran parte dei casi e può essere applicato in 3 modi diversi, definendo 3 tipi di protesi, in base a come queste vengono inserite nell’osso:

- Protesi non cementate:
l'ancoraggio della protesi all'osso avviene grazie all'integrazione delle componenti della protesi con il tessuto osseo senza l'interposizione di materiali “cementanti”. Sono indicate nella maggior parte dei casi, soprattutto in pazienti in cui la qualità dell’osso è ancora ben conservata.
- Protesi cementate:
l'ancoraggio delle componenti è affidata ad una cementazione con polimetilmetacrilato (PMME) che consente, mediante la sua interposizione, l'aderenza della protesi all'osso. Sono particolarmente indicate nei casi in cui la qualità dell’osso è precaria, come in Pazienti affetti da artrite reumatoide o in Pazienti di età molto avanzata.
- Protesi ibride:
una delle due componenti è cementata e l’altra no. Sono meno diffuse e rappresentano una scelta possibile in casi particolari in cui una delle due parti ossee sia particolarmente compromessa rispetto all’altra.

  • La protesi d'anca di rivestimento
Si tratta di un tipo di protesi particolarmente indicata in pazienti molto giovani, con una qualità ossea ottimale.
Presenta i seguenti vantaggi:

1)rispetta meglio l’anatomia originale dell’anca
2)restituisce una migliore funzionalità articolare (anche nello sport)
3)garantisce una maggiore stabilità
4)permette il massimo risparmio osseo possibile


Le protesi di rivestimento, contrariamente alle protesi standard, sono costituite da solo 2 elementi: il cotile, che viene inserito nell’acetabolo; la testa femorale, che viene inserita come un “rivestimento” della testa femorale artrosica e che si articola direttamente con il cotile. In sintesi nella protesi di rivestimento la testa ed il collo del femore non vengono tagliate via per inserire lo stelo dentro al femore, ma la testa femorale stessa viene sagomata e rivestita dalla protesi.

  • La protesi d'anca a conservazione del collo o con "mini stelo"

Si tratta di protesi d’anca come le standard (cotile – stelo – testina) ma con la differenza che si conserva il collo del femore e lo stelo femorale è di dimensioni ridotte. Anche queste protesi sono indicate in Pazienti giovani e con osso di buona qualità.

TRATTAMENTO CHIRURGICO

L’intervento di protesi totale d’anca o artroprotesi d’anca comincia con il posizionamento del paziente sul lettino operatorio. Il Paziente viene posizionato sul fianco, in modo che il lato da operare sia rivolto verso l’alto ed il bacino viene bloccato con degli appositi supporti. Si procede pertanto alla preparazione e disinfezione del campo operatorio e successivamente, posizionata tutta la strumentazione necessaria, si procede alla incisione chirurgica. Questa può essere più o meno ampia in base alle dimensioni ed al peso del Paziente. La capsula articolare viene incisa e vengono esposte le superfici ossee ed articolari. Tali superfici sono trattate con strumenti opportuni che rimuovono la parte artrosica e consentono il posizionamento degli elementi protesici. Una volta posizionata la protesi, viene valutata la sua stabilità ed il movimento delle nuova articolazione. Se è necessario si procede anche alla correzione di eventuali differenze di lunghezza degli arti inferiori. Alla fine dell’intervento chirurgico si procede alla sutura delle diverse parti anatomiche sezionate e si posiziona un tubicino in silicone che fuoriesce dalla cute. Questo tubicino è il drenaggio, il cui scopo e quello di far fuoriuscire il sangue ed i coaguli che si formano dopo l’intervento. Questo drenaggio verrà rimosso durante la prima medicazione della ferita, il giorno dopo l’intervento.


Il Paziente viene quindi spostato nel proprio letto di degenza, controllato dell’anestesista e successivamente inviato nel reparto.


PERCORSO ASSISTENZIALE

Prima dell’intervento: Il Paziente, dopo essere stato visitato dallo specialista ortopedico che indica l’intervento, viene indirizzato all’ufficio ricoveri dell’ospedale per organizzare il prericovero. Questo consiste nell’esecuzione di esami di sangue, elettrocardiogramma, radiografie del torace e dell’anca da operare, visita con l’anestesista del cardiologo ed eventuali altre visite specialistiche richieste. In tal modo vengono valutate le condizioni generali e confermato l’intervento chirurgico. Successivamente viene fissata la data del ricovero e dell’intervento.

Ricovero:
Il Paziente viene nuovamente visitato dal medico del reparto che imposta la terapia medica in relazione anche alle altre malattie eventualmente già in trattamento. Subito dopo l’intervento ha inizio il protocollo di riabilitazione. La degenza media presso il reparto è di circa 4 giorni nel reparto chirurgico, seguito da 2/3 settimane di ricovero nel reparto di riabilitazione.

Dopo il ricovero: Il Paziente viene seguito dallo specialista che ha eseguito l'intervento mediante controlli cadenzati ( 30 giorni dopo l'intervento; 3 mesi dopo l'intervento; 6 mesi dopo l'intervento; 12 mesi dopo l'intervento e quindi controlli annuali). Durante i controlli il paziente viene visitato e sottoposto a controllo radiografico dell'anca operata in genere durante il controllo a 6 mesi, 1 anno ed in occasione dei successivi controlli annuali.
riabilotazione anca como

RIABILITAZIONE

Con l’aiuto del fisioterapista il paziente potrà riprendere la mobilizzazione dell’arto il giorno dopo l’intervento. Inizialmente verranno eseguiti degli esercizi a letto di flesso estensione e rotazione dell’anca operata per recuperare la mobilità dell’articolazione. Successivamente, già dopo 2 o 3 giorni dell’operazione, potrà cominciare a deambulare con l’ausilio di due bastoni canadesi, dando progressivamente il carico sull’arto operato.

Programma riabilitativo post operatorio:
  • Deambulare con 2 bastoni canadesi con carico parziale dal 2° giorno post operatorio per 3 settimane.
  • Successivamente 1 bastone canadese controlaterale per 2 settimane.
  • Cyclette a regime “O” 15 minuti tre volte al giorno dal 10° giorno post operatorio per 3 settimane.
  • Nuoto a stile libero o dorso, o ginnastica dolce per il potenziamento muscolare degli arti inferiori, dal 21° giorno post operatorio per 3 settimane.
  • Ripresa delle attività lavorative sedentarie e della guida di autovetture 6 settimane dopo l’intervento.
  • Ripresa delle normali attività lavorative non sedentarie o attività sportiva lieve senza impatto 12 settimane dopo l’intervento.
  • Ripresa di attività sportive con impatto 24 settimane dopo l’intervento

Domande e risposte

  • Che tipo di anestesia per l’intervento?
L’anestesista valuterà in base alle condizioni generali del paziente e alle malattie associate, quale anestesia sia più indicata. Generalmente viene scelta l’anestesia peridurale che determina la sola anestesia dell’arto inferiore. Il paziente è sveglio, respira autonomamente ma, se necessario, può essere sedato dall’anestesista al fine di ridurre il carico emotivo. Con questo tipo di anestesia periferica è inoltre possibile applicare un sondino (peridurale) che controlla il dolore nei primi giorni postoperatori. In alcuni casi l’intervento viene eseguito in anestesia generale.

  • Come si controlla il dolore dopo l’intervento?
Una pompa ad infusione viene montata durante l’intervento per il controllo del dolore post-operatorio. Dopo l’intervento Il medico e gli infermieri del reparto con l’anestesista che gestisce la terapia del dolore, controllano la funzionalità e la capacità della pompa del dolore integrando la terapia con antinfiammatori ed antidolorifici minori e maggiori.

  • Quanto durerà l’intervento?
La durata dell’operazione ovviamente varia in base alla patologia da trattare. In media si può dire però che indicativamente l’intervento dura 90 minuti.

  • Quali sono i rischi collegati con l’intervento?
L’incidenza di complicanze legate all’intervento di protesi d’anca è piuttosto bassa rispetto ad altre chirurgie. Una stima internazionale ha valutato una incidenza media del 2,5%. Nella mia personale casistica basata su più di 1500 interventi eseguiti dal 1995 l’incidenza di complicanze è pari a 2,1%.

  • Lussazione:
Consiste nella dislocazione della testa protesica al di fuori del cotile con comparsa di dolore e limitazione funzionale. A rischio il paziente nei primi 3 mesi dopo l’intervento. E’ importante nei primi mesi evitare movimenti eccessivi come flettere l’anca oltre 90° (sedersi su sedie troppo basse, WC senza rialzo, incrociare le gambe). Predispone a tale evento uno scarso tono muscolare che si riduce dopo i primi mesi grazie ad un buon trattamento fisioterapico. Importante attuare specifici accorgimenti (usare rialzo WC, abolire il bidet usando la doccia per l’igiene personale).

  • Infezione:
Complicanza temibile ma fortunatamente rara (1%). Può avvenire anche in casi dove la procedura chirurgica sia stata condotta in maniera asettica e corretta, anche in presenza di una profilassi antibiotica. Alcuni pazienti sono più a rischio come quelli affetti da diabete mellito o immunodeficienza. Di norma l’infezione si manifesta precocemente e richiede una diagnosi rapida per un immediato trattamento.

  • Trombosi Venosa:
Importante complicanza perché può causare un’embolia polmonare. Con gli attuali protocolli di prevenzione sia farmacologici (Inibitori fattori coagulazione, Eparina Basso Peso Molecolare) che fisici (calze elastiche) ed una precoce mobilizzazione e riabilitazione si ha una bassa incidenza di episodi sintomatici o di complicanze polmonari.

  • Ematoma post-operatorio:
E’ possibile che si formino degli ematomi dopo l’intervento chirurgico, che si localizzano soprattutto nella redione glutea o laterale della coscia. Tali ematomi regrediscono anche spontaneamente in 3 settimane e non necessitano quindi di un trattamento specifico.

  • Lesioni neurologiche:
Possono verificarsi delle lesioni neurologiche del nervo sciatico, femorale e femorocutaneo. Tali lesioni sono rare e purtroppo spesso irreversibili. La loro incidenza è inferiore allo 0,3%.

  • E’ necessaria una trasfusione dopo l’intervento?
Si, talvolta è necessaria una trasfusione per migliorare le condizioni generali e per permettere una rapida riabilitazione. E’ possibile recuperare il sangue, durante e dopo l’intervento, dal drenaggio della ferita chirurgica senza mai staccarlo dal corpo del paziente (come richiesto dai pazienti Testimoni di Geova). Inoltre, ove necessario, può essere utilizzato il sangue prelevato al paziente stesso (predeposito) prima dell’intervento, se consentito dalle condizioni generali. Si può, per concludere, comunque ricorrere alla trasfusione di sangue da donatore compatibile, quando necessario.

  • Come si svolge l’intervento chirurgico e quanto dura?
Il mattino dell’intervento il paziente viene portato in sala operatoria nel suo letto dagli inservienti ed introdotto nel blocco operatorio. Qui gli anestesisti e gli infermieri di sala lo preparano all’anestesia , quindi lo posizionano sul letto operatorio. I chirurghi, dopo aver preparato il campo operatorio, eseguono l’intervento che ha una durata media di 90 minuti. Dopo l’intervento il paziente viene controllato dagli anestesisti e dai chirurghi nella sala di anestesia per un eventuale monitoraggio e successivamente riportato in reparto nel suo letto.

  • Di quali materiali è fatta una protesi d’anca?
Lo stelo è generalmente in titanio perché è un materiale che si adatta e si integra con l’osso in modo da non dover usare il cemento per fissare la protesi. La coppa acetabolare è fatta di acciaio o titanio e l’inserto, che serve da frizione con la testa della protesi, è di polietilene ad alta resistenza, o di ceramica o di metallo. Questi materiali e le modalità di fabbricazione permettono oggi di ottenere una usura della protesi vicina allo zero.

  • Quanto durerà una protesi?
E’ difficile poterlo stabilire. I materiali utilizzati sono molto resistenti ma è importante l’adattamento dell’osso alla protesi. In ogni caso si può dire che 15/20 anni è una previsione possibile.

INTERVENTI DI CHIRURGIA RIGENERATIVA

RIPARARE E TRATTARE I DANNI ALLE CARTILAGINI E ALLE ARTICOLAZIONI

La cartilagine è il tessuto che ricopre le superfici ossee nelle nostre articolazioni.
Grazie ad esso possiamo muoverci, camminare e saltare. La cartilagine quindi ci permette di compiere i gesti quotidiani che fanno parte della nostra vita di tutti i giorni.
È un tessuto elastico ma al contempo resistente, costituito per circa l’80% di acqua e per il resto di molecole di collagene e di condroitina, le quali sono prodotte dalle cellule cartilaginee, i condrociti. I condrociti sono cellule molto solitarie, non sono numerose e amano stare a debita distanza tra di loro, circondandosi appunto di molecole, in modo da non avere contatti diretti. Questa loro caratteristica peculiare rende il tessuto cartilagineo estremamente delicato, motivo per il quale qualsiasi danno alla cartilagine non si ripara spontaneamente con facilità. Si può pertanto dire che il danno alla cartilagine sia irreversibile.
L'artrosi in generale è una malattia degenerativa e progressiva che interessa sia l'osso che la cartilagine. Questo è il motivo per il quale, per trattare l'artrosi, si ha bisogno di stimolare questo tessuto e le sue cellule.
La medicina e la chirurgia rigenerativa si occupano appunto di trattare il danno cartilagineo con le sostanze ed i dispositivi che possono stimolare i condrociti a rigenerarsi ed a rigenerare la cartilagine.

DOMANDE E RISPOSTE SULLA CHIRURGIA RIGENERATIVA

  • Dove si trovano le cellule staminali? 
In tutto il nostro corpo, anche negli adulti, ma soprattutto sono presenti nel sangue, nel midollo osseo e nel tessuto adiposo.

  • Si usano cellule proprie?
Si! Sono definite autologhe. Ciò significa che ogni individuo possiede le proprie cellule staminali e queste possono essere utilizzate per il trattamento di patologie, quali l'artrosi, senza correre il rischio di avere reazioni avverse (come il “rigetto”). Cosa che invece avverrebbe se si utilizzassero delle cellule da donatori.

  • Vi sono limiti di età?
Si purtroppo! Nelle donne dopo la menopausa la vitalità di queste cellule si riduce progressivamente e pertanto il trattamento rigenerativo, se pur possibile, ha minori possibilità di essere efficace. Negli uomini permangono delle buone possibilità di un trattamento efficace anche dopo i 65 anni.

  • Possono essere trattati tutti i casi di artrosi, anche quelli avanzati o molto avanzati?

Se il grado di artrosi è grave o molto grave, il trattamento rigenerativo non è totalmente efficace. In questi casi la deformazione articolare è tale che il solo trattamento rigenerativo non basta a restituire all’articolazione una buona funzionalità. In tutti questi casi bisogna ricorrere ad altri tipi di chirurgia, prevalentemente protesica. Il trattamento rigenerativo ha una sua collocazione, come trattamento infiltrativo, in quei casi di artrosi avanzata in cui non è possibile eseguire altre forme di chirurgia, a causa delle condizioni cliniche generali del paziente. Il trattamento infiltrativo in questi casi sfrutta le proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche che le sostanze impiegate nella medicina rigenerativa hanno.

  • Come si esegue il prelievo delle cellule?
Come detto in precedenza, le cellule staminali sono prevalentemente presenti nel sangue, nel midollo osso e nel tessuto adiposo.

  • Prelievo dal sangue:

Si esegue un semplice prelievo di sangue periferico, come quando si fanno le normali analisi. Questo sangue viene centrifugato, in modo da dividere le cellule dalla parte liquida. Si ottiene pertanto un prodotto fluido, ricchissimo di cellule e soprattutto di piastrine. Il così detto “Concentrato piastrinico” o “PRP”. La quantità di cellule mesenchimali in questo prodotto è molto bassa. Sono maggiormente presenti le piastrine, le quali rilasciano delle sostanze che hanno una certa capacità nello stimolare la rigenerazione, oltre ad altre che hanno principalmente delle proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche.

  • Prelievo dal midollo osseo:

Si esegue un prelievo dalle ossa del bacino. Si inserisce un ago all’interno dell’osso e si esegue il prelievo per aspirazione. Non è in genere necessario eseguire un’anestesia, basta una semplice sedazione farmacologica. Non è necessario eseguire incisioni chirurgiche ampie o dare punti di sutura. Analogamente a quanto detto per il prelievo del sangue periferico, l’aspirato midollare ottenuto viene centrifugato in modo da selezionare la componente cellulare. Questa componente risulta essere molto ricca di cellule mesenchimali. Queste cellule mesenchimali derivano direttamente dalle cellule staminali ed hanno già avuto una differenziazione verso la linea cellulare che riguarda il tessuto cartilagineo, osseo e fibroso. In ultimo questa frazione centrifugata viene direttamente iniettata all’interno dell’articolazione. Nella camera articolare le cellule iniettate sono stimolate verso il processo rigenerativo.

  • Prelievo da tessuto adiposo sottocutaneo:

Questa tecnica è la più innovativa e sfrutta la disponibilità del tessuto adiposo a fornire le cellule necessarie per il processo rigenerativo. Nel tessuto adiposo vi è la più alta concentrazione di cellule staminali nell’adulto. Questa procedura prevede una piccola liposuzione manuale per aspirazione. Il tessuto adiposo aspirato viene, direttamente in sala operatoria o in ambulatorio, microfratturato, depurato e concentrato. Si ottiene un liquido gelatinoso che contiene un’alta concentrazione di “unità bioattive “. Queste contengono le cellule mesenchimali ed altri fattori biologici che stimolano ed alimentano le cellule stesse. Anche in questo caso questo liquido gelatinoso viene iniettato dentro l’articolazione dove svolge la sua attività rigenerativa, antidolorifica ed antinfiammatoria. Come nel caso precedente del prelievo dal midollo osseo, non è necessario eseguire grandi incisioni chirurgiche né tanto meno porre dei punti di sutura.

TERAPIA INFILTRATIVA

SOLUZIONI AVANZATE PER CONTROLLARE I SINTOMI DELL'ARTROSI

La terapia infiltrative dell’anca consiste nell’iniettare all’interno dell’articolazione dei medicamenti o delle sostanze medicamentose che servono principalmente a controllare i sintomi della patologia, quali il dolore e la limitazione funzionale. Non si tratta di un trattamento chirurgico completo, in quanto non permette di correggere le alterazioni strutturali dell’articolazione, conseguenti all’artrosi. Non consente quindi di correggere le deformazioni ossee, cartilaginee o del labrum e delle altre strutture endoarticolari. Si applica quindi soprattutto in 2 casi:

  • Quando non è possibile eseguire un intervento chirurgico completo, a causa delle condizioni cliniche del paziente (grave miocardiopatia; età molto avanzata; grave insufficienza epatica o renale; nei casi di neoplasia)
  • Nei casi post chirurgici, quando non si raggiunge la completa risoluzione dei sintomi, dopo aver eseguito una trattamento in artroscopia o in chirurgia riparativa aperta
Tutte le forme di terapia infiltrativa devono essere eseguite in ambiente sterile (talvolta in sala operatoria) e sotto il controllo radiografico o ecografico, per garantire che il medicamento sia iniettato correttamente dentro l’articolazione.

E’ per lo più necessario eseguire solo un’anestesia locale o una leggera sedazione e la terapia viene eseguita in regime ambulatoriale o con in ricovero in Day Hospital.

Esistono due forme di terapia infiltrativa:

  • La supplementazione o VISCOsupplementazione. Consiste nell’infiltrazione di medicamenti o sostanze che permettono esclusivamente la diminuzione o la risoluzione dei sintomi, sia pur temporaneamente. In questo senso questa terapia deve essere considerata esclusivamente palliativa.
  • ​L’infiltrazione di sostanze bioattive. Consiste nella somministrazione endoarticolare di sostanze cellulari autologhe che hanno una funzione rigeneratrice.

LA (VISCO)SUPPLEMENTAZIONE

  • Infiltrazione con anestetici
Gli anestetici locali iniettati dentro l’articolazione consentono una temporanea risoluzione del dolore. In alcuni casi però, la ripetuta infiltrazione permette di avere un’azione prolungata, grazie alla così detta “interruzione della via del dolore”. In poche parole la ripetuta anestesia locale permette di interferire con i meccanismi fisiologici che scatenano il dolore, dando un effetto prolungato. Con la diminuzione del dolore, anche la funzionalità e la capacità di movimento dell’anca possono migliorare. In alcuni casi selezionati si usa questa metodica come test diagnostico “Hip Injection Test”. Nei casi dubbi, qualora non si riesce a distinguere tra patologia endo ed extrarticolare, l’inoculazione endoarticolare di anestetico permette al medico di distinguere l’origine esatta del dolore.

  • Infiltrazione con cortisonici

I farmaci cortisonici hanno una spiccato effetto antinfiammatorio ed analgesico. Spesso i farmaci cortisonici sono infiltrati insieme ad un anestetico, per potenziarne gli effetti antalgici. In genere si esegue un ciclo di 3 infiltrazione settimanali, ripetibili ogni 6 mesi in regime ambulatoriale.

  • Infiltrazione con acido ialuronico
L’acido ialuronico è un costituente naturale presente nelle articolazioni. La sua funzione principale è la lubrificazione articolare, essendo una sostanza viscosa. Da ciò deriva l termine di “viscosupplemetazione”. Quindi l’acido ialuronico viene infiltrato all’interno dell’anca per facilitare lo scorrimento delle superfici articolari. Si tratta anche in questo caso di una terapia palliativa, ripetibile a cicli, che permette anche la diminuzione del dolore. Attualmente vi sono diverse molecole di acido ialuronico disponibili per la terapia infiltrativa. Quelle a basso e quelle ad alto peso molecolare. Le prime, che hanno una struttura più simile alle molecole naturali, necessitano di un numero maggiore di infiltrazioni per raggiungere un’efficacia ragionevole. Le seconde, meno naturali, hanno un’efficacia più duratura nel tempo e necessitano pertanto di un numero inferiore di somministrazioni.

INFILTRAZIONE CON SOSTANZE BIOATTIVE

  • Il PRP o Concentrato Piastrinico
Un semplice prelievo di sangue periferico (come quando si fanno gli esami di laboratorio), permette di selezionare, mediante una centrifugazione, la frazione di liquido ematico ricca di piastrine. Queste, una volta iniettate dentro l’articolazione, rilasciano le loro sostanze bioattive e contribuiscono a formare un coagulo nelle sedi dove la cartilagine è danneggiata. Lo scopo è quello di favorire il processo rigenerativo e riparativo dell’articolazione. Inoltre le sostanze rilasciate hanno anche un effetto antidolorifico ed antinfiammatorio. Per motivi di vitalità cellulare è più opportuno eseguire questo trattamento in pazienti di età inferiore ai 55 anni nelle donne e 65 negli uomini. Il trattamento può essere fatto in regime ambulatoriale.

  • Il prelievo del Midollo Osseo Autologo
Il midollo osseo è ricco di cellule staminali e mesenchimali, le quali vengono selezionate e concentrate sempre mediante centrifugazione. Anche in questo caso l’infiltrazione di questa sostanza all’interno dell’articolazione, facilita il processo rigenerativo e riparativo, ma in maniera più spiccata rispetto al PRP. Il prelievo del midollo osseo, pur non essendo invasivo, è comunque più impegnativo rispetto al prelievo dal sangue periferico e necessita di essere eseguito in anestesia locale. Non è necessario comunque eseguire incisioni cutanee o mettere dei punti di sutura. E’ necessario eseguire la procedura in sala operatoria ed anche in questo caso è più opportuno eseguire questo trattamento in pazienti di età inferiore ai 55 anni nelle donne e 65 negli uomini.

  • Il prelievo del Tessuto Adiposo Autologo
Il tessuto adiposo dell’adulto contiene la quantità più alta di complessi bioattivi impiegati nella medicina rigenerativa. Si esegue una piccola liposuzione, mediante aspirazione manuale. La sede del prelievo è generalmente la regione glutea o laterale della coscia, oppure la zona sottombelicale dell’addome. Il tessuto aspirato viene trattato mediante un procedimento che prende il nome di microfratturazione. È quindi depurato e concentrato e successivamente iniettato dentro l’anca. Il prelievo di tessuto adiposo autologo necessita di essere eseguito in anestesia locale. Non è necessario comunque eseguire grandi incisioni cutanee o mettere dei punti di sutura. E’ necessario eseguire la procedura in sala operatoria ed anche in questo caso è più opportuno eseguire questo trattamento in pazienti di età inferiore ai 55 anni nelle donne e 65 negli uomini.

Prenotare un appuntamento

DOTTOR ANDREA FONTANA

Per contattare il Dottor Andrea Fontana e prenotare un appuntamento presso i suoi studi, richiedere informazioni e altro, è sufficiente compilare il form in questa sezione.

Si riceveranno in tempi rapidissimi risposte chiare e precise in grado di soddisfare ogni esigenza.

Il Dottor Fontana riceve ed opera in due studi:

  • Centro Medico Polispecialistico - Belegotti - CMP
    Via Frova, 34 - Cinisello Balsamo, in Provincia di Milano.
    Numero di telefono: 02 66012960

  • Centro Diagnostico Comense - CDC
    Viale Varese, 75 - Como.
    Numero di telefono 031 262136
 
A disposizione della clientela c'è anche la casella di posta elettronica dr.andreafonta@libero.it.

DR. ANDREA FONTANA - CENTRO DIAGNOSTICO COMENSE CDC VIALE VARESE 79 (COMO) TEL 031262136

Il dottor Andrea Fontana è un medico specialista in ortopedia e traumatologia, ed offre la massima competenza e preparazione nella cura delle patologie dell'anca.


Torna su